BANDS

Pericopes 1

PERICOPES
(IT-USA)

Emi Vernizzi – sax, electronics

Alex Sgobbio – piano, Fender Rhodes, electronics

feat. Nick Wight / Ruben Bellavia– drums

Nel 2007 il duo nativo piano-sax inizia a comporre un repertorio del tutto originale che finalizzerà nel corso degli anni con residenze artistiche, tour e sette incisioni discografiche. Naturalmente refrattaria a etichette di stile e genere, la proposta musicale di Pericopes è una miscela personale di composizione, improvvisazione e sinergia esecutiva, in costante riflessione con il vissuto artistico dei singoli musicisti. Un linguaggio che si è sviluppato nel corso degli anni, assorbendo di volta in volta svariate influenze. Quattro album inclusa una pubblicazione DVD, vincitori assoluti del premio Padova Carrarese e dell’ Umbria Jazz Contest, Pericopes viene successivamente segnalato al TopJazz di MusicaJazz. Nel 2012 il progetto collaterale Pericopes+1 – assieme al batterista americano Nick Wight – inaugura una nuova produzione musicale. Il nuovo album (registrato a New York e presentato da Dave Liebman ed Enrico Rava) riceve particolare attenzione da parte della stampa internazionale (DownBeat, Jazzthetik, Jazz ‘n’ More…) e sarà seguito da altre due pubblicazioni e decine di tour tra USA, China ed Europa (UK, Francia, Germania, Italia, Austria, Slovenia, Croazia, Svizzera, Belgio, Repubblica Ceca, Olanda). Nel 2021 Pericopes viene inserito nel libro “La Storia del Jazz” tra le importanti produzioni italiane di nuova generazione.

 

“These guys have a history to be sure” 

Dave Liebman

“Three excellent musicians” 

Enrico Rava 

Riproduci video
Riproduci video

Adwords

TopJazz 2012: segnalati tra i nuovi migliori talenti
Vincitori Umbria Jazz Contest 2013
TopJazz 2013: segnalati nella classifica “formazione dell’anno”
Vincitori premio Padova Carrarese 2012
✭✭✭DownBeat, AllAboutJazz, JazzInside,
Jazziz, JazzTime, Herrald Scotland, JazzViews,…

BANDS

PERICOPES
(IT-USA)

Emi Vernizzi – sax, electronics

Alex Sgobbio – piano, Fender Rhodes, electronics

feat. Nick Wight / Ruben Bellavia– drums

Pericopes 1

Nel 2007 il duo nativo piano-sax inizia a comporre un repertorio del tutto originale che finalizzerà nel corso degli anni con residenze artistiche, tour e sette incisioni discografiche. Naturalmente refrattaria a etichette di stile e genere, la proposta musicale di Pericopes è una miscela personale di composizione, improvvisazione e sinergia esecutiva, in costante riflessione con il vissuto artistico dei singoli musicisti. Un linguaggio che si è sviluppato nel corso degli anni, assorbendo di volta in volta svariate influenze. Quattro album inclusa una pubblicazione DVD, vincitori assoluti del premio Padova Carrarese e dell’ Umbria Jazz Contest, Pericopes viene successivamente segnalato al TopJazz di MusicaJazz

Nel 2012 il progetto collaterale Pericopes+1 – assieme al batterista americano Nick Wight – inaugura una nuova produzione musicale. Il nuovo album (registrato a New York e presentato da Dave Liebman ed Enrico Rava) riceve particolare attenzione da parte della stampa internazionale (DownBeat, Jazzthetik, Jazz ‘n’ More…) e sarà seguito da altre due pubblicazioni e decine di tour tra USA, China ed Europa (UK, Francia, Germania, Italia, Austria, Slovenia, Croazia, Svizzera, Belgio, Repubblica Ceca, Olanda). Nel 2021 Pericopes viene inserito nel libro “La Storia del Jazz” tra le importanti produzioni italiane di nuova generazione.

“These guys have a history to be sure” 

Dave Liebman

“Three excellent musicians” 

Enrico Rava 

Riproduci video
Riproduci video

Adwords

TopJazz 2012: segnalati tra i nuovi migliori talenti
Vincitori Umbria Jazz Contest 2013
TopJazz 2013: segnalati nella classifica “formazione dell’anno”
Vincitori premio Padova Carrarese 2012
✭✭✭DownBeat, AllAboutJazz, JazzInside,
Jazziz, JazzTime, Herrald Scotland, JazzViews,…

IZZY & THE CATASTROPHICS (USA)

Izzy Zaidman – lead guitar/vocals

Emi Vernizzi – sax

Chapman Sowash – trombone

Seth Kessel – bass

Gasper Bertoncelj – drums

Mr. Izzy Zaidman dominatore di folle con il suo talento, carisma, classe ed energia, veterano della leggendaria band di Wayne “The Train” Hancock, è la funambolica voce e chitarra di questa band di musiche originali, un mix di western-swing, be-bop, rock ‘n roll, gipsy/jazz, avant-garde, tecnica sopraffina ed irresistibile (auto)ironia. Sei album all’attivo, decine di migliaia di fans sparsi per il globo che accorrono entusiasti ad ogni loro esibizione attraverso tour dal 2008 con una media di 250 show all’anno tra America ed Europa. Izzy & The Catastrophics condivide il palco con grandi nomi, da Snoop Dogg e Reverend Horton Heat alle più scalcinate punk-bands della California, protagonisti indiscussi al main stage del Festival Jamboree ’14 e del recente MoonRunner di Chicago. L’uscita dell’ultima fatica discografica registrata a Nashville è prevista per il 2022.

Se Izzy and the Catastrophics fosse stata la band sul Titanic, avrebbe di certo ridotto quell’iceberg in cubetti di ghiaccio da servire alla festa sul ponte della nave

Brian Baker – Citybeat Cincinnati, OHIO

IZZY & THE CATASTROPHICS (USA)

Izzy Zaidman – lead guitar/vocals

Emi Vernizzi – sax

Chapman Sowash – trombone

Seth Kessel – bass

Gasper Bertoncelj – drums

izzy-reportage-1-600x398

Mr. Izzy Zaidman dominatore di folle con il suo talento, carisma, classe ed energia, veterano della leggendaria band di Wayne “The Train” Hancock, è la funambolica voce e chitarra di questa band di musiche originali, un mix di western-swing, be-bop, rock ‘n roll, gipsy/jazz, avant-garde, tecnica sopraffina ed irresistibile (auto)ironia. Sei album all’attivo, decine di migliaia di fans sparsi per il globo che accorrono entusiasti ad ogni loro esibizione attraverso tour dal 2008 con una media di 250 show all’anno tra America ed Europa. Izzy & The Catastrophics condivide il palco con grandi nomi, da Snoop Dogg e Reverend Horton Heat alle più scalcinate punk-bands della California, protagonisti indiscussi al main stage del Festival Jamboree ’14 e del recente MoonRunner di Chicago. L’uscita dell’ultima fatica discografica registrata a Nashville è prevista per il 2022.

Se Izzy and the Catastrophics fosse stata la band sul Titanic, avrebbe di certo ridotto quell’iceberg in cubetti di ghiaccio da servire alla festa sul ponte della nave

Brian Baker – Citybeat Cincinnati, OHIO

Riproduci video
Blue Moka 1
Riproduci video

BLUE MOKA

feat. Fabrizio Bosso – trumpet

Emi Vernizzi – sax

Alberto Gurrisi – hammond organ

Michele Bianchi – guitar

Michele Morari – drums

Una band “piena di energia […] che potrebbe accadere solo oggi. È il suono del Jazz – ORA (Steven Cerra, Jazzprofiles). Progetto di musica originale, Blue Moka è un hammond quartet (sax, organo, chitarra, batteria) tutto “made in Italy” che ripercorre le nuove vie del jazz passando dal Hard-Bop attraverso il Soul/Funk per approdare uno stile personale di grande impatto sonoro. Bluesy, R&B, elettronica, diventano elementi di una contemporaneità in cui “gioiosità comunicativa e un sound ben definito rappresentano i tratti distintivi di Blue Moka” (Stefano Dentice – ItalianJazz).
Il gruppo si è esibito in importanti club, teatri e festival della penisola (Blue Note, Casa del Jazz, BeBop, Al Vapore,  Garda Jazz, Mirandola Jazz Fest, La Sapienza,…) vantando anche dal 2014 un’importante collaborazione ed amicizia con il trombettista Fabrizio Bosso, con il quale viene scritta nuova musica successivamente incisa nell’omonimo album “BlueMoka feat Fabrizio Bosso” (JandoMusic, 2018). Attualmente la band sta lavorando ad una nuova produzione in cui la direzione sonora acquista traiettorie più groovy ed elettriche.

BLUE MOKA

feat. Fabrizio Bosso – trumpet

Emi Vernizzi – sax

Alberto Gurrisi – hammond organ

Michele Bianchi – guitar

Michele Morari – drums

Blue Moka 1
Una band “piena di energia […] che potrebbe accadere solo oggi. È il suono del Jazz – ORA (Steven Cerra, Jazzprofiles). Progetto di musica originale, Blue Moka è un hammond quartet (sax, organo, chitarra, batteria) tutto “made in Italy” che ripercorre le nuove vie del jazz passando dal Hard-Bop attraverso il Soul/Funk per approdare uno stile personale di grande impatto sonoro. Bluesy, R&B, elettronica, diventano elementi di una contemporaneità in cui “gioiosità comunicativa e un sound ben definito rappresentano i tratti distintivi di Blue Moka” (Stefano Dentice – ItalianJazz).
Il gruppo si è esibito in importanti club, teatri e festival della penisola (Blue Note, Casa del Jazz, BeBop, Al Vapore,  Garda Jazz, Mirandola Jazz Fest, La Sapienza,…) vantando anche dal 2014 un’importante collaborazione ed amicizia con il trombettista Fabrizio Bosso, con il quale viene scritta nuova musica successivamente incisa nell’omonimo album “BlueMoka feat Fabrizio Bosso” (JandoMusic, 2018). Attualmente la band sta lavorando ad una nuova produzione in cui la direzione sonora acquista traiettorie più groovy ed elettriche.
Riproduci video

BUDOKAN

Budokan, luogo per eccellenza dove i guerrieri del sol levante si sono sfidati nelle tecniche delle arti marziali. Corpo, mente, purezza interiore. E’ il progetto mainstream di Emiliano Vernizzi, trio pianoless in cui dal 2010 si sono contesi diversi duellanti: Daniele Tortora, Giacomo Marzi, Enzo Frassi, Massimo Caracca, Tony Arco, Matteo Rebulla, Vittorio Sigbaldi, Paolo Mozzoni. La sfida è quella di far convergere interplay e situazioni contrastanti che, per l’assenza di un esplicito riferimento armonico ed un’altrettanta formazione stabile, lascia tanto all’immaginazione dell’ascoltatore. Potenza, dolcezza, ironia, velocità lottano tra loro su un ring prettamente caratterizzato da atmosfere ritmico/melodico di chiaro riferimento al jazz degli anni ’50 e ’60 in un susseguirsi vulcanico di momenti swing, afro-bossa, funk, spesso alternati con imprevedibilità in un divertente dialogo a tre.

Torna su